• Manuela Barabino

Nicola Neonato "Pollaiolo"

“Qui, vivono per sempre gli occhi che furono chiusi alla luce

perché tutti li avessero aperti per sempre alla luce”

Giuseppe Ungaretti


Il mio paese di origine ha dato i natali a diversi personaggi illustri tra i quali il pittore e scultore partigiano Nicola Neonato, del quale conservo un ritratto raffigurante il fratello di mia nonna. Nato a Borzonasca in provincia di Genova nel 1912, Neonato si forma artisticamente presso le migliori scuole italiane tra le quali l'Accademia Ligustica di Belle Arti. Durante gli anni della Resistenza, alla quale partecipa in prima linea con il nome di "Pollaiolo", non dimentica il suo amore per l'arte. Il venerdì santo del 1945 insieme ai suoi compagni di brigata allestisce una Mostra d'Arte Partigiana a solo due chilometri dall'avamposto tedesco. Finita la guerra inizierà a raccontarla con le sue opere: monumenti in memoria dei caduti, come quello dedicato al partigiano Raimondo Severino (nato a Licata ma fucilato sulla piazza principale di Borzonasca nel maggio del 1944), sculture e affreschi come ad esempio quello della Cappella del Lager di Dachau in Germania.





0 visualizzazioni
Join My Mailing List
  • Grey Facebook Icon
  • Grey Instagram Icon

Milano © 2018 manuelabarabino