• Manuela Barabino

Monterchi: La Madonna del Parto

“Donna, se' tanto grande e tanto vali, che qual vuol grazia e a te non ricorre, sua disïanza vuol volar sanz' ali”.

Paradiso, Canto XXXIII

Dante Alighieri





Circondato da dorati campi di girasoli, arroccato su una dolce collina al confine con l’Umbria ma ancora in Toscana, si erge un antico borgo medievale: Monterchi, ispiratore dei paesaggi di Piero della Francesca del quale è conservato in un museo l’affresco della Madonna del Parto, capolavoro unico nel suo genere, realizzato dal pittore intorno alla metà del XV secolo, dipinto forse in occasione del funerale della madre che si pensa fosse originaria del luogo.

La Madonna del Parto è stata oggetto di diverse citazioni sia nel Cinema che in Letteratura: Nel film del 1972 di Valerio Zurlini "La prima notte di quiete" il professore Daniele Dominici interpretato da Alain Delon illustra l’ affresco ad una sua allieva con una descrizione che intreccia emozione e cultura.

L'affresco compare nel film del 1983 di Andrej Tarkovskij "Nostalghia" di fronte al quale si svolge una delle scene più suggestive e centrali del film.

Il compositore francese Gérard Grisey, appassionato della pittura di Piero della Francesca, ha preso spunto dalla Madonna del Prato per elaborare la sua opera L’Icône Paradoxale (Omaggio a Piero della Francesca) per due voci femminili e grande orchestra divisa in due gruppi, composta tra il 1993 e il 1994.

Le circostanze della realizzazione dell'affresco, e di uno immaginario ad esso molto simile, sono narrate nel giallo di ambientazione appenninica La pioggia fa sul serio di Francesco Guccini e Loriano Macchiavelli (Mondadori, 2014).







Surrounded by golden fields of sunflowers, perched on a smooth hill bordered with Umbria but still in Tuscany, it stands an ancient medieval village: Monterchi, inspirer of the landscapes of Piero della Francesca of which is preserved in a museum the painting of Madonna del Parto, one of a kind masterpiece, made by the painter around the XV century, perhaps made for funeral of his mother, it is thought she is native of the place.

The Madonna del Parto has been the subject of several quotations both in Cinema and Literature: In the “The first night of quiet “, film made in 1972 by Valerio Zurlini the professor Daniele Dominici (Alain Delon) illustrates the painting to one of his pupils with a description that intertwines emotion and culture. The painting appears in “Nostalghia”, film made in 1983 by Andrej Tarkovskij, in front of which one of the most striking and central scenes of the film takes place. The French composer Gérard Grisey, enthusiast of Piero’s painting, he was inspired by the Madonna del Prato to elaborate his work L'Icône Paradoxale (Homage to Piero della Francesca) for two female voices and a large orchestra divided into two groups, composed in 1993/1994. The circumstances of the realization of the painting, and of an imaginary similar to it, they are narrated in the yellow of the Apennine setting The rain is serious about Francesco Guccini and Loriano Macchiavelli (Mondadori, 2014).





http://www.madonnadelparto.it


http://www.valtiberinaintoscana.it/it






0 visualizzazioni
Join My Mailing List
  • Grey Facebook Icon
  • Grey Instagram Icon

Milano © 2018 manuelabarabino