MANUELA BONI35331.jpg

BIOGRAFIA

Dopo il diploma in Canto e la Laurea specialistica, con una Tesi sulla Traviata in Fotografia, all’Accademia di Belle Arti di Brera, inizia l’attività di cantante in importanti produzioni al Teatro dell’Opera di Roma, al Teatro Petruzzelli di Bari, alla Biwako Hall di Otsu, all’Orchard Hall di Tokyo, al Teatro Verdi di Salerno e al Teatro Verdi di Brindisi, diretta da Bruno Campanella, Antonio Pirolli, Daniel Oren, Gianluigi Gelmetti, Stefan Anton Rek, Keri-Lynn Wilson e sotto la regia di Nicolas Joel, Stéphane Roche, Walter Pagliaro e Vincenzo Salemme. Prende parte alla prima esecuzione assoluta del De Profundis di Sergio Rendine, con la direzione di Marzio Conti e la regia di Dan Jemmet e Tito Schipa Jr e de Il Re nudo, pièce scritta dal compositore Luca Lombardi per il Teatro Nazionale di Roma, con la regia di Dimitri Bertman e la direzione di Enrique Mazzola, con protagonista Elio delle Storie Tese. Artista eclettica, non limita la sua attività al solo teatro dell’opera ma anche a quello di prosa, si esibisce al Teatro Nazionale di Roma, con la commedia musicale Ulisse (musiche di Adriana Del Giudice e regia di David Haughton) e in Guardali si credono noi, spettacolo musicale dedicato a Flaiano e Fellini andato in scena al Teatro Palladium di Roma nell’ambito del Roma 3Filmteatrofest. Ha inaugurato il Museo del Novecento di Milano con un concerto dedicato a Nino Rota e Ennio Morricone, ha cantato per La Verdi di Milano in un concerto, organizzato dalla scuola di musica da camera del Cidim, dedicato a Mario Castelnuovo – Tedesco. Ha interpretato Lola in Cavalleria Rusticana alla Prince Mahidol Hall di Bangkok, la Marchesa di Berkenfield ne La figlia del Reggimento di G.Donizetti e Zulma ne L’Italiana in Algeri di G.Rossini a Bergamo, Fenena in Nabucco di G.Verdi a Vercelli, Berna Zoflinger e Aarau (CH), Ciesca in Gianni Schicchi di G.Puccini al teatro di Pergine (Tn) e Zerlina in Don Giovanni di W.A.Mozart, a Bergamo e Verbania.